ROAD STORIES

BASILICATA & PUGLIA

Anche quest'estate si va verso sud, con l'intento di verificare la bonta' dei giudizi di chi in Basilicata ci è gia' stato e ne è stato conquistato. Scorrono sotto le nostre ruote Abruzzo, Lazio e Campania. Nei pressi di Salerno il cartello che indica "Costiera Amalfitana" ci tenta non poco, ma il muro di auto di latta in fila sotto il sole gia' cocente ci fa desistere all'istante, sara' per un'altra volta

Siamo in anticipo sulla nostra gia'improvvisata tabella di marcia, e cosi', dopo un veloce pasto a Potenza ci tuffiamo veloci verso il parco delle Piccole Dolomiti Lucane. Sono le 14.00, il sole rende la temperatura feroce, proprio come immaginavamo. Ma forse è proprio questo uno degli aspetti del meridione che piu amiamo.

Ora il percorso inizia a farsi interessante e divertente, la strada si arrampica per una lunga serie di tornanti, lo stesso navigatore si esalta e ci segnala una svolta a sinistra "stretta" neanche fossimo Eddy Orioli ! Per una questione di pura sopravvivenza il nostro abbigliamento si allegerisce sempre di piu, via imbottiture e maniche, il casco no, paradossalmente ci proteggera' dal sole.

Pietrapertosa ci accoglie come in un film del neorealismo del dopoguerra, andrebbe immaginato come
un vecchio paese in bianco e nero per quanto è abbarbicato sulle rocce stesse.
Lo scenario è rude e selvaggio, alto e frastagliato. I pochi residenti che notiamo ci fanno capire che siamo in una parte d'Italia dove la sveglia suona molto prima che spunti un solo raggio di sole, e dove la gente va a letto con la schiena spezzata dal duro lavoro nei campi.

L'indicazione per il vicino paese di Castelmezzano a 12 Km. ci conduce su un tratto che difficilmente si puo' chiamare canonicamente strada, è un viottolo nato per chiari usi agricoli, stretto, disconnesso e dai molteplici saliscendi. Un fuoristrada del Corpo Forestale ci affianca, uno degli occupanti ci chiede se occorre aiuto, ma noi non siamo dispersi, ma e chiaro che di mezzi e persone non se ne devono vedere molte su questi monti. Il tempo corre, la strada no, anzi diventa via via piu'impegantiva. Alle prime case di Castelmezzano guardo l'orologio...12 Km.in 55 minuti !

E' tempo di riprendere la statale che ci condurra' a Matera, finalmente le ruote tornano a girare su strade dall'asfalto ben levigato e dall'ampia carreggiata. Arriviamo che è quasi il tramonto, il tempo di sistemarci in un centralissimo B.& B. e ci prepariamo per la visita di rito: i Sassi di Matera.

Gli ultimi raggi di sole donano ad uno scenario gia' unico ed affascinate un'atmosfera surreale e misteriosa. Mentre cerchiamo le migliori inquadrature per gli ultimi scatti fotogfafici, ci ripromettiamo di approfondire poi la storia di questo luogo scelto anche da Mel Gibson come sfondo per il suo film tanto discusso.

Il giorno seguente è di nuovo tempo di Puglia, una regione che portiamo da anni nel cuore.
Pur conoscendolo a menadito scelgo, questa volta, di risalire fin su' verso il Gargano.

Nei pressi di Manfredonia, dopo centinaia di km. di piattissima pianura del Tavoliere, l'immprovvisa e imponente sagoma del promontorio del Gargano ci appare quasi come Ayers Rock ! Da sud verso nord non lo avevamo mai percorso prima, sembra un immenso iceberg di roccia che si protende fin dentro il mare. E' da questo lato che va apprezzato al meglio.

La lunga e tortuosa strada che affrontiamo per raggiungere Monte Sant'Angelo (746 m.slm) difficilmente verra' dimenticata. Dislivello da vertigini su panorami mozzafiato (che colui che guida farebbe bene ad ignorare !), decine di tornanti che si attorcigliano su se stessi, quelli a destra in salita da percorrere con acceleratore e freno posteriore all'unisono che mettono a dura prova le mie capacita' di guida.
Idem per la successiva discesa di 17 km.che ci offre altri squarci paesaggistici da tuffo al cuore fino alle bianchissime abitazioni di Mattinata.
Il resto è puro splendido Parco del Gargano, con la strada litoranea al tramonto che in molti tratti rasenta il mare fin quasi a raggiungerlo.

Il giorno successivo lo dedichiamo alla visita di luoghi a noi ormai cari e conosciuti cosi' come si fa con i vecchi amici di sempre, quelli che che non si dimenticano mai anche se distanti

abruzzo in moto

Partecipa anche tu a questo tour: 

LOGO VERSO SUD.jpg

Vietata la riproduzione, anche parziale.

 SEGUICI SU FACEBOOK 

abruzzo in moto
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon
  • cinguettio

 PARTNERS  |  DIVENTA PARTNER   |   SCOPRI L'ABRUZZO   |   SCEGLI TOUR   |   PROGRAMMA 2021   |   REGALA TOUR 

 

 COME PRENOTARE UN TOUR   |  PRIVACY  |  CONDIZIONI GENERALI  |  ANNULLAMENTO TOUR  |  CONTATTI    

abruzzo in moto

Web site design © 2013 by Streets_of_fire

ABRUZZO IN MOTO TOURS è un progetto BAINO VIAGGI S.R.L. - Corso Roma, 32 - Lanciano (CH)

P.IVA 02370310696 - Tel. 0872 710019 - Fax 0872 710890 - E-mail: Info@baino.it - www.baino.it

LICENZA N 4385 DEL 9/9/2018 - N° Iscrizione R.E.A. 173921 

Tutti i diritti riservati 

E' vietata, previa autorizzazione, la riproduzione e la diffusione, anche parziale, dei testi, foto e filmati presenti sul sito.

Le informazioni riportate possono essere soggette a modifiche senza preavviso